Angolo del professionista

L'angolo del professionistaQuesto spazio è a disposizione degli utenti del portale che vogliano pubblicare un testo, un commento o un articolo firmato in materia di PI.

Condizioni di utilizzo:
- il testo rimane di proprietà dell'autore e sarà pubblicato all'interno di Marchi e Brevetti Web, dopo un esame da parte della redazione.
- Il testo non deve contenere forme di pubblicità più o meno manifesta di servizi, prodotti o attività a fine di lucro. L'auto promozione è data dalla possibilità di inserire in calce i propri riferimenti.
- nel caso in cui l'autore commenti una sentenza o comunque esprima un'opinione su un argomento che lo vede in qualche modo coinvolto, o come parte in causa o in veste professionale, è necessario riferirlo con una nota di trasparenza in calce al testo.
- L'autore solleva la Redazione e l'Editore da ogni responsabilità derivante dalla pubblicazione del testo.

Per per l'invio dei testi, scrivere a: redazione@marchiebrevettiweb.it.
 


Stampa

Illecito pubblicare abusivamente video di terzi per alimentare il proprio business pubblicitario

Scritto da Alessandro La Rosa Il .

Diritto d'autore
ALESSANDRO LA ROSA

Con sentenza n. 6944/2017 del 2.11.2017, la Corte di Appello di Roma - Sezione PI - ha integralmente rigettato l’appello proposto da Gruppo Editoriale L’Espresso s.p.a. contro la sentenza del Tribunale delle Imprese di Roma (sentenza n. 18413/2016 del 5 ottobre 2016) con cui erano state integralmente accolte le domande inibitorie (Euro 1.000,00 per ogni futura violazione) e risarcitorie (per circa Euro 250.000,00) di Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI”, società del Gruppo Mediaset).

Stampa

Tutela IP: in arrivo importanti novità su marchi, brevetti e know how con la legge di delegazione europea n. 163/2017

Scritto da Valeria Fabbri Il .

proprietà industriale
VALERIA FABBRI

Il mondo della tutela IP è in grosso fermento: in pendenza, infatti, dell’obbligo di recepimento della Direttiva UE 2016/943 sulla tutela del know-how e dei segreti commerciali entro il 9 giugno 2018, è arrivata la Legge di delegazione EU n. 163/2017, la quale introduce modifiche di rilievo a carico di marchi, brevetti e tutela del know how.

Stampa

Siae, non è vero che grazie al decreto fiscale 2018 il monopolio finirà. Ecco perché

Scritto da Barbara Sartori Il .

Diritto d'autore
BARBARA SARTORI - MATTEO ROIZ

Secondo quanto era stato anticipato dal Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri, il Decreto Fiscale 2018 (D.L. 16 ottobre 2017, n. 148, in G.U. 16.10.2017, n. 242) avrebbe determinato la cessazione del monopolio legale durato oltre 70 anni in capo alla Siae, in favore di una liberalizzazione del settore della gestione dei diritti d’autore. La lettura attenta del decreto, tuttavia, costringe gli operatori del settore a ridimensionare sensibilmente le aspettative che tale annuncio aveva alimentato.

Stampa

Il Tribunale di Venezia condanna la società consortile "Le Famiglie dell'Amarone d’Arte" per l’utilizzo non consentito della denominazione d'origine Amarone

Scritto da Duilio Cortassa Il .

indicazioni geografiche
DUILIO CORTASSA

Il Tribunale di Venezia, con la sentenza n. 2283/2017, depositata in cancelleria lo scorso 24 ottobre, nella causa RG n. 4350/2015 promossa dal Consorzio per la tutela dei Vini Valpolicella insieme alle aziende Roccolo Grassi, Zymè di Celestino Gaspari, Sartori, Corte Figaretto e Corte Rugolin ed alle cantine di Colognola al Colli e di Soave, ha inibito alla società consortile a r.l. Le Famiglie dell'Amarone d'Arte l'uso, nella propria denominazione sociale, della menzione tradizionale "Amarone" e di ogni riferimento alla DOCG "Amarone della Valpolicella", ordinando alla società di modificare la denominazione sociale, eliminando ogni riferimento alla DOCG "Amarone della Valpolicella" o di sue parti distintive quale "Amarone" e così pure dal nome a dominio dei siti web amaronefamilies.it e amarone.it.

Stampa

Louboutin e la suola rossa. La saga continua e il caso si riapre davanti alla CGUE

Scritto da Annalisa Spedicato Il .

Marchi
ANNALISA SPEDICATO

La domanda è: può essere tutelata come marchio d’impresa una forma in combinazione con un colore? Il concetto di “forma che dà valore sostanziale al prodotto” che secondo la direttiva sui marchi comunitari ne esclude la registrabilità come marchio, può comprendere anche altre caratteristiche come il colore?

Stampa

L’Opinione di Francia, Spagna e Portogallo sulla proposta di Direttiva Copyright

Scritto da Alessandro La Rosa Il .

Diritto d'autore
ALESSANDRO LA ROSA

È recentemente divenuto pubblico un documento leak –un working paper (WP)- contenente le proposte di emendamento delle delegazioni di Francia, Spagna e Portogallo, relative alla proposta di Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul diritto d’autore nel mercato unico digitale (2016/0280 COD, “Proposta di Direttiva”).

Stampa

Udienza orale di discussione: il caso Hollywood

Scritto da Stefano Sandri Il .

marchi
Prof. Avv. STEFANO SANDRI

Il 27 ottobre 2017 si sono celebrati ad Alicante i primi 20 anni dell’attività delle Commissioni di ricorso. Nell’occasione, l’EUIPO ha pubblicato una serie di contributi in un Librum Amicorum, tra cui figura il presente scritto nella versione italiana. La rievocazione della discussione orale nel caso HOLLYWOOD, di cui il sottoscritto è stato promotore quale Presidente della Terza Commissione, è diventato ora di grande attualità in vista degli sviluppi dei procedimenti orali previsti dall’EUIPO nella recente Riforma.

Stampa

Nessuna volgarizzazione per Google, il marchio è salvo!

Scritto da Annalisa Spedicato Il .

Marchi
ANNALISA SPEDICATO

Recentemente la Corte distrettuale degli Stati Uniti si è pronunciata su un caso di volgarizzazione di marchio che ha riguardato la società Google. I giudici statunitensi infatti sono stati chiamati a decidere se la parola Google è entrata nel linguaggio comune americano e usata come termine generico per indicare l’esecuzione della ricerca su Internet o se invece esso mantiene ancora le caratteristiche richieste dalla legge per potersi parlare di marchio d’impresa ed essere protetto come tale.