IGiurisprudenza delle impresen questa sezione sono ospitate le massime autorali alle sentenze e ordinanze dei Tribunali delle imprese realizzate a cura del portale Giurisprudenza delle Imprese.

In particolare, viene presentata una selezione di quelle che interessano specificatamente la materia della proprietà industriale ed intellettuale, con il rinvio al relativo testo integrale.

 

Stampa

Procedimento europeo per controversie di modesta entità in materia di opera fotografica in regime di Creative Commons

Il .

Costituisce violazione del diritto connesso d’autore l’utilizzo non autorizzato di un’immagine per fini pubblicitari e promozionali soggetta dall’autore al regime giuridico “Creative Commons, per il quale è consentito ai terzi il diritto di condividere, copiare e modificare liberamente l’immagine, a condizione che venga indicata la paternità dell’opera, insieme ad un link al sito del titolare dei diritti e che l’utilizzo dell’immagine non abbia fini di pubblicità promozionale.

Stampa

Violazione dell’obbligo di buona fede nell’esecuzione di un contratto di coesistenza tra marchi

Il .

Nell’ambito di un contratto di coesistenza di marchi, il fatto che il compromesso negoziale sia fondato su particolari particolarmente piccoli impone alle parti di uniformare i propri comportamenti ad un livello molto elevato di correttezza, tale da evitare che anche in via indiretta si possano generare o anche solo avallare fraintendimenti ed equivoci.

Stampa

Svilimento e annacquamento del marchio

Il .

Lo svilimento e l’annacquamento del marchio rileveano anche sotto il profilo della correttezza professionale ex art. 2598, comma 3,c.c.. In particolare, il mancato impiego del marchio nelle comunicazioni pubblicitarie provoca ad esso un pregiudizio che attiene non alla sua funzione distintiva, ma a quella promozionale e pubblicitaria (connessa agli investimenti sullo stesso profusi) ed alla reputazione di cui esso gode presso il pubblico.

Stampa

Contratto di licenza di diritti di trasmissione di serie televisive e clausola run of series

Il .

In un contratto di licenza di diritti di trasmissione di serie televisive, l’eccezione di invalidità per contrarietà all’art. 120 l.d.a. di una clausola life of series o run of series, in virtù della quale il licenziatario di diritti di trasmissione di serie televisive assume l’obbligo di acquistare tutte le serie prodotte nelle stagioni successive alla prima, è palesemente infondata se a formularla non è l’autore dell’opera oggetto del contratto, bensì il mero acquirente della stessa.

Stampa

Uso del marchio altrui in opere cinematografiche

Il .

Perché si abbia volgarizzazione di un marchio, sotto il profilo oggettivo occorre che il segno abbia perduto il suo significato originario, che abbia cioè smarrito nella realtà linguistica qualsiasi collegamento con l’azienda d’origine e si sia quindi “spersonalizzato”. In assenza di tale riscontro, non è sufficiente per predicare la decadenza che a quell’originario significato si sia aggiunto quello della denominazione generica del prodotto o del servizio.

Stampa

Domanda di contraffazione di brevetto

Il .

In tema di nullità dell’atto di citazione per la pretesa mancata individuazione del titolo in base al quale è stata chiesta la contraffazione di brevetto, la natura autodeterminata del diritto di cui è chiesta la tutela esclude la necessità di specificazioni con riguardo alla causa petendi al fine di comprendere la pretesa azionata.

Stampa

Contraffazione del marchio di impresa, concorrenza sleale e risarcimento del danno

Il .

La tutela del marchio di impresa registrato, accordata dalla direttiva, opera sia in caso di identità, sia in caso di somiglianza tra il marchio di impresa e il segno e tra i prodotti o servizi, ed è finalizzata a scongiurare il rischio di confusione tra i prodotti, che si sostanzia nella possibilità che il pubblico possa credere che i prodotti o servizi in questione provengano dalla stessa impresa o eventualmente da imprese economicamente legate tra loro.